Latte di mandorle

Il latte di mandorle è una bevanda comunissima nel sud Italia, soprattutto in Sicilia, Calabria e Puglia, che l'hanno inserito addirittura tra i prodotti agroalimentari tradizionali italiani. Per prepararlo in casa vi serviranno solo delle mandorle sbucciate e dell'acqua. E ricordatevi sempre di non esagerare con lo zucchero.

da , il

    Latte di mandorle

    Il latte di mandorle è una bevanda comunissima nel sud Italia, soprattutto in Sicilia e in Calabria e in Puglia, che l’ha inserito addirittura tra i prodotti agroalimentari tradizionali italiani. È rinfrescante e ha un sapore buonissimo, ma soprattutto ha proprietà benefiche per la nostra salute che lo rendono in alcuni anche più efficace del più comune latte vaccino. Elenchiamole tutte. Per prima cosa, il latte di mandorla è ricco di fibre, calcio, vitamine e minerali. Contiene anche grassi buoni ed è poco calorica. Ricordatevi di preferire sempre la versione non zuccherata, in generale, e anche quando la preparate voi, come in questo caso, fate sempre molta attenzione a non zuccherarlo troppo. Nei bar di queste regioni potete ordinarne un bicchiere allo stesso modo in cui noi ordiniamo un tè freddo, con tutte le sue infinite varianti, per esempio con aggiunta di caffè. Questa squisitezza si ottiene facendo macerare nell’acqua le mandorle tritate e poi spremere anche queste per raccogliere tutto il succo. In commercio esistono vari marchi, fate sempre attenzione alle ricette, agli ingredienti e a quello che viene riportato per evitare di trovarvi di fronte a un prodotto troppo edulcorato. Il latte di mandorle si può ottenere anche dalla pasta di mandorle, dei panetti confezionati che si sciolgono in acqua per ricavare questa bevanda. Se al contrario volete cimentarvi voi, ecco la ricetta.

    Ingredienti

    • 200 grammi di mandorle biologiche spellate
    • 1 litro d’acqua

    Preparazione

    Mettete le mandorle in ammollo a temperatura ambiente per 60 minuti per renderle più morbide. Una volta atteso il tempo necessario, scolatele ma conservate l’acqua dell’ammollo, vi servirà dopo da aggiungere a quella del litro. Usando un frullatore aggiungete poco per volta l’acqua. Tritate le mandorle e usando un setaccio, filtrate l’acqua per staccarla dalla polpa di mandorle. Con un imbuto, versate il tutto in una bottiglia di vetro. Ecco pronto il vostro buonissimo latte di mandorla bio: conservatelo in frigorifero e consumatelo entro 3-4 giorni.