Come cucinare i carciofi

Non a tutti piacciono, ma chi li ama non sa farne a meno. Del resto rientrano nella categoria delle verdure invernali più versatili potendo essere utilizzati in antipasti, primi, secondi piatti e contorni imperdibili. Ecco come cucinare i carciofi in tutte le salse: al forno, ripieni, trifolati, con la pasta passando per le ricette classiche della tradizione gastronomica italiana

da , il

    Come cucinare i carciofi

    In cerca di idee su come cucinare i carciofi, alcuni tra gli ortaggi invernali più amati e versatili? Il loro periodo va dal mese di novembre a quello di aprile. Si prestano a tutta una serie di metodi di cottura e ricette adatte alle diverse esigenze confermandosi, di diritto, un alimento da non far mancare nell’ambito della nostra alimentazione. Molti per praticità amano cucinare i carciofi surgelati, magari bolliti come contorno, altri invece per questione di tempo scelgono di cucinare i carciofi in pentola pressione, la quale regala un risultato decisamente più veloce.

    Una cosa è certa: cucinare i carciofi dona grandi soddisfazioni in quanto ci permette di sfornare pietanze succulente a partire da materie prime di qualità. Sono poveri di calorie, e per tale motivo adatti anche a chi voglia mantenersi in linea, sono diuretici e digestivi nonchè ricchi di fibre e di potassio, preziosi alleati per la nostra salute. Sarebbe un vero peccato non dedicarsi alla realizzazione delle ricette con i carciofi freschi preparandoli al forno, in umido o in padella a seconda dei gusti.

    Per approfittare al meglio delle sostanze nutritive dalle quali sono caratterizzati, vi suggeriamo di seguito come cucinare i carciofi – interi o a spicchi – al meglio, ma una regola vale su tutto: è preferibile in ogni caso una breve cottura degli ortaggi indipendentemente da quella che abbiate scelto. Non dimentichiamo, poi, come i carciofi siano adatti anche a chi voglia mangiare leggero: hanno proprietà drenanti e disintossicanti, soprattutto per il fegato. Curiosi di sapere come cucinare i carciofi cotti a vapore e quelli fritti? Continuate a leggere per scovare tanti piatti diversi, ma tutti molto gustosi.

    In commercio ne esistono numerose tipologie: dai carciofi romaneschi (o mammole) ai violetti, da quelli grandi e senza spine, da farcire a piacere, a quelli più piccoli e spinosi, ottimi nelle preparazioni a crudo.

    Come pulire i carciofi

    I consigli dello chef per pulire i carciofi

    Nota dolente riguarda la loro pulizia, che richiede tempo, pazienza ed attenzione, specie nel caso in cui si tratti di varietà con le spine. Ecco come pulire i carciofi in maniera indolore.

    • Iniziate con un taglio netto del gambo, ad un’altezza di circa 8 cm, dopo avere posto gli ortaggi su un tagliere. Utilizzate un coltello affilato.
    • Procedete con l’eliminazione delle foglie esterne, quelle notoriamente più dure, e di quelle interne, non meno insidiose. Aiutatevi con le mani e/o con un coltello.
    • A questo rimuovete il fieno interno, che risulterebbe poco piacevole al palato, utilizzando un cucchiaino per scavarlo.

    Durante tale operazione indispensabili risultano essere un paio di guanti ed una ciotola piena di acqua addizionata con succo di limone: hanno lo scopo, i primi, di evitare graffi e macchie ostinate sulle mani, la seconda, di far sì che i carciofi non si anneriscano.

    Forse non tutti lo sanno ma i gambi, opportunamente privati della parte esterna, quella più dura e legnosa, possono essere impiegati con successo praticamente in qualsiasi ricetta a base di carciofi.

    Come cucinare i carciofi lessi

    I carciofi lessi sono probabilmente i più semplici da realizzare. Una volta ben puliti vanno semplicemente tagliati a spicchi, a meno che non se ne voglia utilizzare il solo cuore, e cotti in una pentola con dell’acqua bollente. Non appena teneri, ci vorranno pochi minuti, scolateli e conditeli con olio extra vergine di oliva, limone, sale e abbondante prezzemolo o mentuccia.

    Come cucinare i carciofi al forno

    Un ottimo metodo di cottura per cucinare i carciofi li vede fatti al forno, gratinati o meno. Cucinare i carciofi al forno è veramente facile: tagliate gli ortaggi e delle patate a spicchi, metteteli in una teglia con abbondate olio d’oliva, uno o due spicchi di aglio schiacciati, salate e pepate. Coprite la teglia con un foglio di alluminio, infornate nel forno caldo a 180 gradi, cuocete per 15 minuti, poi scoprite, mescolate e portate a cottura, bagnando se necessario con del brodo o poco vino bianco secco. C’è anche chi preferisce cuocerli da interi o farli ripieni.

    Come cucinare i carciofi surgelati

    Rappresentano una grande risorsa da tenere nel freezer ed alla quale poter ricorrere tutte quelle volte in cui si sia rientrati in casa troppo tardi per cucinare qualcosa di elaborato. I carciofi surgelati, già puliti, sono praticamente pronti per l’uso: non richiedono pulizia e si possono utilizzare nella realizzazione delle più svariate ricette.

    Come cucinare i carciofi al vapore

    La cottura al vapore è una delle più sane: permette di mantenere praticamente inalterate le proprietà nutritive, delle quali si può godere al massimo in quanto non andate disperse nel liquido di cottura. I carciofi cotti al vapore mantengono un gusto unico: sono ottimi con condimenti leggeri che non vadano a coprirne il sapore. Poneteli nella vaporiera e calcolate una decina di minuti di cottura, se a spicchi.

    Cucinare i carciofi: le ricette tradizionali

    Carciofi alla giudia
    Photo by Simone.lippi / CC BY

    Come preparare i carciofi nelle ricette tradizionali è presto detto: tali ortaggi fanno parte della nostra alimentazione da tempo immemore, e sono numerose le pietanze tipiche nelle quali utilizzarli.

    Potete, ad esempio, cucinare i carciofi a spicchi in padella: puliteli e tagliateli, gettateli nel tegame con dell’olio ed uno spicchio di aglio schiacciato, salate e fate cuocere mescolando di tanto in tanto, bagnando con poco brodo o acqua calda, se necessario. A fine cottura spolverate con del prezzemolo tritato.

    Anche i carciofi e patate rappresentano un classico della cucina italiana. Ottimi come contorno ricco o addirittura come secondo vegetariano, si accompagnano bene a piatti di carne.

    Tra le ricette classiche, i carciofi trifolati si realizzano in poche mosse: fate rosolare in un tegame un trito di aglio e prezzemolo con dell’olio d’oliva, gettatevi i carciofi tagliati a spicchi, salate e pepate e portate a cottura.

    Se volete preparare una frittata di carciofi non dovete fare altro che farli saltare in padella a spicchi con aglio e olio quindi unire 4 uova lavorate con grana grattugiato e fare rapprendere il tutto su fiamma bassa, fino a doratura.

    Come cucinare i carciofi ripieni

    Carciofi ripieni al forno
    Photo by Signor DeFazio / CC BY

    I carciofi ripieni rappresentano un secondo piatto di grande gusto. Semplici da realizzare ma altamente appaganti, prevedono un gustoso ripieno a base di carne e risultano ideali in qualsiasi occasione, dal pranzo in famiglia a quello con amici. I carciofi ripieni al forno senza carne possono essere considerati un’ottima alternativa vegetariana.

    VAI ALLA RICETTA

    Come cucinare i carciofi alla romana

    Carciofi alla romana
    Photo by Elvira Ciboulette / CC BY

    Caposaldo della gastronomia laziale, la ricetta originale dei carciofi alla romana appartiene alla cucina tradizionale della regione. Trattasi di carciofi ripieni di un trito di prezzemolo, aglio, pangrattato e poco altro. Da realizzarsi preferibilmente con le mammole, varietà particolarmente adatta a tale preparazione, si prestano sia al pranzo che alla cena.

    VAI ALLA RICETTA

    Come cucinare i carciofi alla giudia

    Carciofi alla giudia
    Foto di Photo by Francesca / CC BY

    I carciofi alla giudia troverebbero origine nel ghetto ebraico di Roma e rappresentano un contorno di facile realizzazione ma dalla massima resa. Nonostante possiate utilizzare qualsiasi tipo di carciofo, anche qui il massimo dei risultati si ottiene con le mammole, tenere e senza spine.

    VAI ALLA RICETTA

    Cucinare i carciofi: ricette per la pasta

    cucinare carciofi pasta
    Photo by h-bomb / CC BY

    Le ricette per cucinare i carciofi con la pasta sono veramente tantissime: da quelle con la pasta fresca a quelle di pasta ripiena, a quelle che abbinano i carciofi con i prodotti del mare. Ci limitiamo a proporne alcune, scelte tra le più gustose, come la pasta con carciofi e funghi, i tortelloni di carciofi, la pasta con il sugo di carciofi e i cannelloni ai carciofi.

    Se invece volete abbinare i carciofi con i frutti di mare, provate la pasta con gamberi e carciofi e le linguine con vongole e carciofi.

    Tra le ricette con i carciofi con il Bimby c’è, infine, la pasta con crema di carciofi: ricorrete al famoso robot per ottenere un piatto appagante in poche mosse.