Vino: la top 10 per la nostra tavola

La top ten dei vini da portare in tavola, senza essere grandi esperti e senza necessariamente andare alla ricerca di famose etichette.

da , il

    vino tavola

    Il vino è un compagno indispensabile per riuscire a gustare appieno un menù. E’ infatti un elemento indispensabile per esaltare alcuni sapori e completare un pasto nella maniera perfetta. Poche volte si ha l’abitudine di cambiare il vino ad ogni portata, ma se questo può risultare difficile e dispendioso, è buona norma prendere un vino che possa soddisfare le esigenze di tutto un pasto, magari cambiandolo solamente per il dessert. Visto che molti di noi non possono vantare corsi specifici potete puntare su bottiglie “facili”, conosciute, che i vostri commensali comunque potranno apprezzare. In questa lista troverete che potrete comprare in alcuni casi addirittura ai supermercati, se frequentate quelli ben forniti, oppure in comuni enoteche.

    Prosecco

    proscecco

    Per iniziare un pasto al meglio non c’è niente di meglio che un Prosecco, come ottimo sostituto dello champagne, con il quale non deve temere il paragone. Per fare un’ottima figura non scegliete quelli eccessivamente low cost, ma per esempio affidate la riuscita della vostra cena ad un Cartizze Primo Franco.

    Bardolino Tacchetto

    guerrieri_rizzardo_tacchetto

    Questo vino possiede le caratterische che sono proprie del Bardolino Classico, ovvero la freschezza, unita però a una certa struttura. E’ perfetto per accompagnare carni bianche e arrosti, oltre che pasta al ragù e uno dei piatti cult di questa stagione: la zuppa di funghi.

    Lambrusco

    lambrusco marcello oro g

    Nome che racchiude vitigni di matrice comune ma non identica, che prende il marchio Doc nei territori di Mantova, Reggio e Modena. Il Lambrusco andrebbe bevuto ogni volta che si ha voglia di qualche bibita gassata dalla composizione chimica dubbia (vedi Coca Cola). Si sposa perfettamente con i piatti tipici della cucina emiliana, tra cui i tortellini in brodo, pasta al ragù, salumi.

    Chianti

    chianti

    Il Chianti è uno dei vini rossi toscani maggiormente apprezzati in Italia. Nella mia cantina non ne manca mai una bottiglia. Ce ne sono di tantissimi tipi e per questo gli abbinamenti possono variare a seconda della specifica etichetta. Quello pregiato, dei Colli Senesi, se maturo si serve con secondi importanti di carne, arrosti. Ottimo è il Chianti Rufina, si serve con piatti di carne saporiti e ricchi, ma è anche piacevole per una degustazione dopo cena.

    Barbera

    barbera

    Per anni è stato il vino da tavola per eccellenza, soprattutto nelle sue versioni fresche e frizzanti, e si incontra molto facilmente sulle tavole Piemontesi, regione di produzione, ma in genere in tutto il nord italiano. Si accompagna con la carne sia lessa che bollita, con gli stracotti e con gli stufati. Perfetto per gli agnolotti e con i formaggi di stagionatura media.

    Gewurztraminer

    gewurztraminer_novacella 980x980

    Vino, nonostante il nome possa ingannare, prodotto in Alto Adige, nella zona di Traminer. E’ un vino bianco aromatico, che si sposa bene con piatti di pesce, carni bianche o anche per un aperitivo. E’ il classico vino fermo che si può abbinare un po’ con tutto ed è ottimo da gustare anche da solo.

    Capsula Viola

    vino bianco capsula viola

    Storico, presente sulle tavole estive da quasi trent’anni, con il meno chic nome Galestro Capsula Viola, è un vino bianco ideale da servire come aperitivo, antipasti di pesce, primi leggeri e pesce alla brace. Si tratta di una bottiglia jolly, da tenere sempre in casa che può essere servita come aperitivo fresco ma anche durante un pasto, sia di carne che di pesce.

    Falanghina

    falanghina di roccamonfina igt villa matilde (1)

    Un altro vino bianco famosissimo, che ritroviamo spesso anche sulle tavole dei banchetti nuziali. La Falanghina è un vino campano secco che potrete servire insieme a crostacei e frutti di mare. Dal sapore corposo, è ottimo abbinato ad un pasto sia di carne che di pesce: date le sue origini però, l’abbinamento migliore sarebbe con il pesce o con i crostacei.

    Rosato del Salento

    marangi_rosato 600x600

    Non deve mancare un vino rosato, categoria spesso trascurata dai consumatori. Il Rosato del Salento è realizzato al 100% con uve Negramaro, possiede il marchio IGT, ed è un abbinamento perfetto per le linguine allo scoglio, con i pesci come spigole e orate. E si può servire anche con la pizza margherita.

    Moscato D’Asti

    luccio_moscato_dasti_6 05

    Come vino da dessert servite la versione dolce di questo famoso prodotto nostrano, che però ultimamente viene consigliato anche insieme a formaggi e salumi. Dagli States la moda di servirlo insieme alle pietanze etniche.

    Speciale Natale