Verdure: I cardi

I cardi sono un ortaggio tipicamente invernale, quindi che possiamo trovare facilmente in questo periodo

da , il

    I cardi sono un ortaggio tipicamente invernale, quindi che possiamo trovare facilmente in questo periodo. La forma ricorda quella di un sedano, mentre il sapore si avvicina a quello del carciofo. In Italia è molto pregiato quello gobbo di Nizza Monferrato, che si può mangiare anche crudo e che rappresenta uno dei prodotti tipici del Piemonte. Questa particolare varietà è lunga circa 80 cm e si presenta con foglie larghe, che si presenta bianco per la perdita della clorofilla, un’operazione che avviene mentre il cardo è ancora sotto terra, durante la quale le foglie assumono la loro caratteristica gobba e diventano croccanti.

    Quando li acquistate devono averei gambi chiari e compatti; evitate quelli che si presentano con macchie verdi, perchè sono amari e duri; inoltre i cardi devono essere acquistati ben chiusi, tendono ad aprirsi infatti quando sono vecchi.

    Crudi si conservano in frigorifero riposti in sacchetti microforati per massimo 4 giorni, mentre cotti e surgelati anche per 6 mesi.

    I cardi si puliscono eliminando le coste verdi o vuote all’interno e staccando quelle chiare e croccanti; queste vanno lavate e ripulite dai filamenti, poi tagliate a tronchetti e messe via via in acqua acidulata per non farli annerire. Possono essere cotti in acqua e succo di limone per essere conservati, mentre per cucinarli come contorno potete impanarli e friggerli, gratinarli al forno oppure usarli in sformati o nel risotto con la salsiccia.

    Crudi potete servirli insieme alla bagna cauda o in pinzimonio.

    Foto da:

    vianto.files.wordpress.com, www.regione.piemonte.it, www.astigiano.com, locali.data.kataweb.it, www.regione.piemonte.it, www.alimentipedia.it, www.flowerservice.it, cucina.donnamoderna.com