Salone del gusto: evento a ridotto impatto ambientale

Il Salone del Gusto 2010 è un evento a basso impatto ambientale, infatti continua l’impegno di Slow Food per ridurlo sempre più, continuando il trend positivo instaurato la scorsa edizione

da , il

    salone del gusto 2010 ecologico

    Il Salone del gusto 2010, che si è aperto ieri, vuole oltre a parlare di cibo e a far conoscere un approccio diverso alla sua produzione e fruizione, propone anche un nuovo modo di organizzare eventi espositivi, dove si cerca di ridurre veramente l’impatto ambientale. In questa edizione, le scelte fatte nella precedente edizione sono state confermate e molte nuove pratiche sono state messe in essere, per ridurre ancora di più l’impatto ambientale. Quindi chi come noi si appresta a visitare il Salone del gusto 2010 potrà essere felice che la sua visita non avrà un grande costo ambientale.

    La scorsa edizione era riuscita a migliorare a ridurre l’impatto ambientale ben del 45%, e per questa appena iniziate si cerca di ottenere un ulteriore miglioramento arrivando al 65%.

    L’impegno del Salone del Gusto per ridurre l’impatto ambientale si articola su 22 idee organizzate in 10 ambiti.

    1. Utilizzare materiali eco-sostenibili per gli allestimenti
    2. Riuso dei materiali degli allestimenti
    3. Raccolta differenziata dei rifiuti e recupero dei medesimi
    4. E su questo punto è richiesta la massima collaborazione dei visitatori, per non sbagliare il contenitore in cui gettare i rifiuti
    5. Proposta di nuovi tipi e modalità di produzione e di riciclo per gli imballaggi
    6. Utilizzo di oggettistica biodegradabile e adatti alla produzione di compost per servire e gustare il cibo, e similmente solo borsine adatte a finire nel compost
    7. Riduzione del fabbisogno energetico per l’illuminazione e le apparecchiature elettriche
    8. Riduzione dei supporti cartacei, preferendo in tutti i contesti l’uso di formati digitali
    9. Massimizzazione dell’efficienza del trasporto delle persone e delle merci
    10. Recupero delle derrate alimentari
    11. Erogazione di acqua sfusa Questa è veramente una bella notizia, al salone sarà disponibile l’acqua della rete idrica di Torino per mezzo di erogatori, ed inoltre per chi preferisce l’acqua minerale, la Lurisia la distribuirà in bottiglie di vetro.

    Vi diremo in seguito su come abbiamo trovato questo Salone a basso impatto ambientale, della scorsa edizione ci ricordiamo i divertenti e comodi sgabelli per i visitatori realizzati con giornali usati.

    Speciale Natale