NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Il fritto misto all’italiana

Il fritto misto all’italiana
da in Trucchi e segreti
Ultimo aggiornamento: Domenica 20/03/2016 17:41

    Il fritto misto all'italiana

    Un bel piatto di fritto misto all’italiana è sicuramente uno dei piatti più buoni al mondo, quindi vediamo come preparalo al meglio. Il fritto misto può essere di mare, utilizzando pesci, crostacei e molluschi, oppure di terra a base di carni e verdure, caratterizzato anche dalla presenza di componenti dolci, come il semolino fritto e la crema fritta. Un bel fritto misto non è leggero, ma è un piatto che vale la pena di fare ogni tanto per un bel gruppo di amici, servendo i fritti mano a mano che sono pronti caldissimi, senza farli aspettare, accompagnati solamente da sale fino, e ovviamente niente prima e dopo, solo un dessert a base di frutta per equilibrare il pasto dal punto di vista nutritivo. Foto di Edsel Little

    Le regole per un buon fritto

    Regola 1: usare l’olio di arachide che ha un alto punto di fumo e un gusto neutro adatto ad ogni tipo di cibo. L’olio extra vergine d’oliva va bene ma ha un gusto che non si abbina a tutto. L’olio d’oliva non è consigliato visto che si tratta di oli di bassa qualità rettificati.
    Regola 2: tanto olio, per cui scegliete una padella a bordi alti o un tegame, e friggete i cibi poco alla volta.
    Regola 3: la temperatura dell’olio dovrebbe essere 180 gradi, e di nuovo friggete poco alla volta per non farla abbassare.
    Regola 4: i fritti si salano solo dopo la cottura.
    Regola 5: servite subito i vostri fritti e soprattutto non copriteli per tenerli in caldo, per non far perdere la croccantezza.
    Regola 6: l’olio si usa per una sola frittura.
    Regola 7: non si spruzza del limone sopra il fritto.

    Come preparare i cibi per la frittura

    Riducete gli ingredienti del fritto misto in pezzi non molto grandi e regolari. Poi potete infarinare ciò che avete deciso di friggere, e questo tipo di preparazione è particolarmente adatta a pesci e verdure. Eliminate la farina in eccesso usando un setaccio. Alternativamente potete preparare una pastella per avvolgere i cibi da friggere. Versate in una ciotola 150 g. di farina, 1 tuorlo, mezzo bicchiere di vino bianco, 2 cucchiai di grappa e 1 pizzico di sale, mescolate e lasciate riposare mezzora. Unite l’albume montato a neve ed utilizzate subito. L’uso della pastella di nuovo si addice alle verdure ed ai pesci. Infine potete panare le cose da friggere, passandole prima nella farina poi nelle uova sbattute (senza sale) e nel pangrattato. La panatura si addice alle carni, ai filetti di pesce e alle creme cotte.

    Il fritto misto di pesce

    Per un ottimo fritto misto di pesce vi suggeriamo di utilizzare preferibilmente pesci freschi di pesca locale. I tipi più adatti sono i pesci a carne bianca, il pesce azzurro, i molluschi come calamari e totani, ed ovviamente i crostacei, come gamberi, gamberetti, mazzancolle e cicale, ma evitate assolutamente il surimi anche in forma di chela di aragosta. Pulite i pesci, squamateli se necessario, lasciate, la testa se sono piccoli, tagliate in tranci quelli grandi e piacere sfilettateli. Personalmente preferiamo infarinare i pesci, e al massimo panare i filetti. Per un fritto di pesce particolarmente raffinato potete aggiungere anche delle cozze sgusciate, e sgusciare i gamberi lasciando però attaccate la testa e la coda.

    Il fritto misto di carne e verdure

    La tradizione italiana delle regioni lontane dal mare propone il grande fritto misto a base di carni e verdure. Il numero di ingredienti dipende dal numero di commensali ma non devono mancare tra le carni le fettine di vitello o di vitellone, le costine di agnello, la cervella o i filoni, e tante verdure scelte tra quelle di stagione, come le melanzane, i funghi, i carciofi, gli asparagi, il cavolfiore, le carote, le zucchine con i loro fiori se disponibili. Inoltre potete aggiungere pezzetti di coniglio, fettine di petto di pollo, fettine di fegato, pezzetti di trippa, animelle a fette, e foglioline di salvia e foglie di borragine. Nel fritto misto ci stanno bene anche delle crocchette di patate con scampi e funghi, ma in questo caso fatele piuttosto piccole.

    semolino fritto

    Il fritto misto all’italiana deve contenere del semolino fritto variamente aromatizzato, anche dolce, oppure della crema fritta. Per preparare il semolino fritto dolce portate ad ebollizione 7 dl. di latte, con 90 g. di zucchero e 200 g. di semolino, e poi cuocete il tutto per 15 minuti. Togliete dal fuoco, unite della buccia di limone ed un uovo, sbattendo energicamente. Stendete il composto, fatelo raffreddare, tagliatelo a rombi, e friggetelo dopo averlo panato. Si possono ottenere varianti salate usando del formaggio grattugiato o degli spinaci lessati tritati finemente. La crema fritta si prepara analogamente usando 100 g. di farina, 60 g. di zucchero, 4 dl. di latte, della buccia di limone, 1 uovo e 1 tuorlo.

    1262

    ARTICOLI CORRELATI