Recensione Ristoranti: W.o.k. World oriented kitchen

da , il

    w.o.k

    Per consumare un pasto veloce, durante la pausa pranzo del lavoro, oppure se siete di passaggio a Roma, alla stazione Termini, invece di rintanarvi nelle solite catene di fast-food come Mc Donalds questo ristorante è una valida proposta.

    In questa catena di ristoranti internazionale con la cucina a vista, è possibile mangiare rapidamente piatti orientati verso la cucina orientale, ma occhieggianti a diverse culture gastronomiche.

    Il comune denominatore per quasi tutti i piatti è l’uso della wok, che esiste in Asia da secoli, e che possiede la capacità di cuocere i cibi in breve tempo, quindi conservando principi nutritivi e sapore.

    Nella preparazione del vasto menù non vengono usati grassi idrogenati, alimenti geneticamente modificati e glutammato.

    E’ la salsa di soia che in tutte le preparazioni ha il compito di esaltare i sapori.

    All’ingresso si prende il menu usa e getta, stampato in inglese ed in italiano, stampato su carta riciclata.

    Tra i piatti che preferisco:

    • Ebi spit, spiedini di gamberi e zucchine serviti con noodles integrali
    • Crab rice, riso alla wok con polpa di granchio
    • Odorake, un cartoccio di riso con gamberi e curry rosso
    • Wok Rolls, involtini di verdure

    I prezzi sono abbastanza economici, in media ogni piatto costa circa 5 euro, ma è abbondante.

    Il servizio è rapido e cordiale, e se si mangia in loco, il caffè costa solo 50 centesimi.

    Per maggiori informazioni: www.wokitalia.com

    foto da: http://www.demeyere.be