Prodotti light: esistono veramente?

I cibi cosidetti light spesso ci fanno credere di poterne ingerire una grossa quantità

da , il

    cibi light

    I supermercati sono pieni di prodotti che riportano la dicitura “cibo light“, ovvero leggeri. E noi, sempre a combattere con chili che si ammassano durante l’inverno ma anche durante l’estate, riempiamo i carrelli di tutto quello che ci possa tranquillizzare, spesso senza leggere le etichette. La sensazione, che forse è quella che preferiamo, è che consumando questo tipo di prodotti alimentari possiamo aumentare le dosi senza incorrere nelle conseguenze. Inutile dirvi che questo è totalmente errato. Infatti qualsiasi cosa ingerita in dosi sbagliate o eccessive può causare un aumento di peso.

    Se avete quindi l’abitudine di non portarvi il pranzo da casa (cercate di farlo, magari componendo un bel bento!) per mangiare in ufficio sappiate che per esempio, i sostituti del pane più comune, i crackers oppure i grissini, hanno tantissimi grassi, anche quelli cosìdetti leggeri. Possono magari andar bene per un piccolo smorzafame, durante la giornata, ma il fatto che contengano meno grassi non ci autorizza a fare i break con 3 pacchetti.

    Anche se prendiamo l’insalata del fast food (luogo possibilmente da evitare!) dobbiamo stare attenti a cosa contiene e soprattutto cosa usiamo per condirla. Spesso infatti i prodotti già pronti nascondono delle vere e proprie insidie per la linea.

    Lo yogurt, per essere un cibo leggero, non deve essere quello intero, o peggio ancora, quello Muller, che per quanto buono sia, contiene più o meno gli stessi valori nutrizionali di una dose piccola di dessert. Stessa cosa vale per i formaggi, soprattutto quelli che si trovano nel banco frigo.

    Il consiglio fondamentale si riduce sempre allo stesso: controllate sempre le etichette!

    Speciale Natale