Speciale Natale

Tante ricette per le feste

Pranzo di Natale: le ricette della tradizione regionale

Pranzo di Natale: le ricette della tradizione regionale

Volete fare un bel pranzo di Natale basato sulla tradizione, allora guardate il nostro menu tutto basato su ricette natalizie che ci vengono dalle tante cucine regionali italiane

da in Menù, Natale a Tavola, Tradizioni Culinarie
Ultimo aggiornamento:

    pranzo tradizionale natale

    La tradizione regionale è ricchissima di ricette per il pranzo di Natale, soprattutto perché una volta Natale era l’unica occasione durante l’anno in cui si poteva mangiare bene e riccamente, con tanta carne, formaggi, salumi e soprattutto tanti dolci. Vi vogliamo suggerire un intero menu per il Pranzo di Natale tutto basate su queste specialità tradizionali scegliendo fra le tantissime che ci sono proposte dalle regioni italiane. Queste sono le nostre scelte, ma non stiamo facendo nessun tipo di classifica, sono solo i nostri gusti, e saremo solamente un pochino parziali alla tradizione genovese.

    Antipasti di Natale

    Il pranzo di Natale deve iniziare con una ricca scelta di antipasti, noi vi suggeriamo:

    I primi piatti di Natale

    I primi piatti natalizi di solito sono a base di pasta ripiena, come i famosissimi tortellini emiliani, mentre iin Liguria preferiamo i ravioli con “u tuccu”.

    Dal Veneto arriva invece il pasticcio di pesce, un ricco tipo di lasagne al forno arricchito con pesci e frutti di mare; mentre se invece preferite un primo piatto leggero, vi suggeriamo i maccheroni di Natale in brodo, tipico delle nostre parti.

    I secondi Piatti di Natale

    Lasciate perdere il tacchino che non è un piatto tradizionale italiane, e preferite invece un bel cappone arrosto o bollito, soprattutto visto che n genere questo tipo di volatile si trova solo nel periodo natalizio.

    Ed infine, la tradizione propone gli insaccati cotti, come il cotechino e lo zampone:

    I dolci di Natale della tradizione regionale

    Per il pranzo di Natale ci limitiamo a considerare i dolci “grandi” tipo torte, cioè quelle che poi vengono serviti a fette, tralasciando le mille ricette di biscotti, dolcetti e pasticcini.

    I più famosi dolci natalizi sono il panettone milanese ed il pandoro veronese, a cui noi aggiungiamo il pandolce genovese, magari esageriamo ma il pandolce genovese sta al panettone come un panorama della Riviera Ligure sta ad una foto di Piazza Duomo.

    Tutti e tre sono dei dolci lievitati, cioè preparati utilizzando il lievito di birra e quindi non sono facilissimi da preparare, per ottenere buoni risultati ci vuole un po’ di esperienza, soprattutto per imparare il comportamento del lievito e scoprire la farina e la esatta temperatura del vostro forno che porta al giusto risultato. Altre golose scelte sono: lo zelten, che arriva dal Trentino Alto Adige, il buccellato siciliano e questa suntuosa pizza dei sette panni, che arriva da un paese della Puglia

    Per quello che riguarda il bere, vi suggeriamo di cercare una delle tante cantine sociali che si trovano praticamente ovunque in Italia oppure un produttore locale che venda direttamente il vino sfuso, li torverete sicuramente il vino rosso o bianco, e il vino dolce per il dessert, ed anche un buon spumante secco (da servire come aperitivo) con cui accompagnare il pranzo di Natale. Inoltre, se sceglierete il vino sfuso, che non vuol dire vino da tavola ma vino DOC o DOCG venduto non imbottigliato, potrete fare anche un bel risparmio. Noi ieri abbiamo visitato la Cantina Sociale di Ricaldone (Al) acquistando tra l’altro un buonissimo Brachetto dolce, con cui accompagneremo i dolci di Natale.

    833

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN MenùNatale a TavolaTradizioni Culinarie