Menu italiano: i piatti per celebrare i 150 anni dell’Unità d’Italia

Ecco come preparare un menu' italiano con cui festeggiare 1 150 anni dell'unita' d'Italia, tutto a base di piatti e prodotti italiani autentici, evitando le mode recenti e i cibi che arrivano da lontano

da , il

    menu italiano

    Per celebrare i 150 anni dell’Unità d’Italia vogliamo proporvi un menù italiano, non solo con piatti della nostra cucina, ma italiano anche nei prodotti, provando ad evitare tutto quello che è arrivato da paesi esotici, o è il risultato delle innovazioni dell’industria alimentare. Il nostro menù seguirà la classica successione di piatti: antipasto, primo piatto, secondo ed infine dolce, lasciando perdere considerazioni dietetiche, e così pure per una volta tralasciando grassi, colesterolo e cose del genere. Gran parte delle ricette del nostro menù italiano sono dell’Artusi, autore del primo libro di cucina italiana.

    Menù italiano: antipasto

    Per iniziare il nostro pranzo italiano evitiamo le ovvietà della caprese di mozzarella, pomodoro e basilico, e preferiamo invece un ricco antipasto misto consistente di salumi, verdure sott’olio e sott’aceto, e magari del pane speciale o del gnocco fritto, delle piadine, o altri tipi di frittelle calde. Vi suggeriamo di scegliere gli elementi di questo super antipasto tra i prodotti tipici della vostra regione. Potete poi aggiungere anche dei formaggi, serviti a pezzetti, oppure spalmati su crostini.

    Menù italiano: primi piatti

    Il primo piatto deve essere rigorosamente a base di pasta, su questo non abbiamo dubbi; quindi la prima proposta è la classica pasta fresca all’uovo condita con il ragù di carne alla bolognese (tagliatelle o fettuccine o lasagne a vostro gusto). Alternativamente potete servire della pasta fresca ripiena, come i tortellini in brodo (ovviamente non di dado, ma di carne o meglio di cappone o di gallina), oppure i ravioli di carne e/o di verdure, che vi proponiamo nella versione genovese (carne più verdure).

    Menù italiano: secondi piatti

    Per il secondo piatto vi suggeriamo un bell’arrosto, che sia però cucinato all’italiana, e quindi evitate i roast-beef molto al sangue lontani dalla nostra tradizione, e preferite un arrosto morto fatto secondo la ricetta dell’Artusi (che a secondo dei vostri gusti potete fare utilizzando il vitello, il maiale, l’agnello o il capretto). Come contorno vi proponiamo il cavolfiore all’uso di Romagna, sempre dell’Artusi, o degli spinaci ricchi, giocati sul tema agrodolce, tradizionale nella nostra cucina di una volta.

    Menù italiano: i dolci

    Arrivati ai dolci con cui festeggiare i 150 anni dell’Unità d’Italia, dimentichiamoci il banale tiramisù e scegliamo tra la crostata con la marmellata, con la ricetta del’Artusi, oppure la zuppa inglese, che a scapito del nome è rigorosamente emiliana, o la cassata siciliana decorata con la pasta di mandorle ed i canditi. Se preferite concludere questo menù per i 150 anni dell’Unità d’Italia con un dolce più leggero, scegliete tra queste torte: torta di noci, la torta ricciolina (fatta con le tagliatelle) o la torta di nocciole, tutte da ricette dell’Artusi.

    Le ricette tradizionali adatte a festeggiare l’Unità d’Italia sono tantissime, e di seguito ve ne riportiamo alcune, molto gustose e facili da realizzare: