Libri: Osterie d’Italia compie 20 anni

La guida Osteria d'Italia compie 20 anni, un anniversario importante per una tra le guide più amate dagli appassionati di enogastronomia, la più venduta nel suo settore

da , il

    La guida Osteria d’Italia compie 20 anni, un anniversario importante per una tra le guide più amate dagli appassionati di enogastronomia, la più venduta nel suo settore, concentrata esclusivamente nei locali dove è ancora possibile gustare la buona cucina regionale.

    Nella prefazione a questa importante edizione, Carlo Petrini spiega che la prima edizione del 1990 nacque per non perdere nè in senso sociale, nè umano, nè soprattutto gastronomico il valore delle osterie, quindi per promuovere quei luoghi dove i valori di questi locali storici, per esempio la convivialità e l’identità, venivano tutelati.

    Dopo vent’anni è ancora questo lo spirito di questa guida enogastronomica, che cerca di tutelare le osterie dal rischio di omolofazione, mentre gli aspetti più importanti da difendere sono la proprio identità e la semplicità, senza tentativi di imitare un’ osteria modello.

    I locali consigliati in questa edizione sono 1696, con inserti sui cibi da comprare e magiare in strada, oppure quelle specialità regionali che si agganciano a tradizioni locali. Slow Food ha assegnato la chiocciola, riconoscimento per quei luoghi piaciuti specialmente per ambiente, cucina e accoglienza a 221 locali.

    Anche la selezione di vini e formaggi è stata segnalata con due simboli a parte: una bottiglia e una mezzaluna di cacio.

    Osterie d’Italia 2010 Sussidiario del mangiarbere all’italiana

    a cura di Paola Gho

    Slow Food Editore

    Foto da:

    www.air-n-water.com

    www.slowfood.it

    rileggo.files.wordpress.com