Le fave fresche

Le fave, legume che in questa stagione è possibile trovare fresco, non tutti lo sanno ma sono ottime anche da mangiare crude, ovviamente quelle più piccole e freschissime

da , il

    Fave

    Le fave, legume che in questa stagione è possibile trovare fresco, non tutti lo sanno, ma sono ottime anche da mangiare crude, ovviamente quelle più piccole e freschissime.

    Infatti, in alcune regioni italiane mangiare le fave crude accompagnate da pecorino e salame è una tradizione, ma esse si prestano anche a semplici e gustossisme ricette.

    La tradizone romana propone le fave e pecorino, mentre quella genovese è per le fave, salame e pecorino.

    A Roma il pecorino è ovviamente il pecorino romano.

    Invece a Genova il pecorino deve essere il primo sale, fresco e piacevolmente salato in superfice, mentre il salame deve essere leggermente aromatizzato con aglio e stagionato al fumo delle stufe a legno, come il Santolcese o Orero.

    In ogni caso le fave fresche devono essere accompagnate da un vino bianco leggero e fresco, come quelli dei Castelli Romani, o i vinelli delle colline genovesi, come il Coronata.

    Le fave con pecorino e salame sono perfette per un picnic all’aperto, ma possono diventare un saporito antipasto oppure un secondo inusuale.

    Le fave, pecorino e salame possono essere anche presentate come raffinati tramezzini, preparati in questo modo. Una fetta di pancarré, qualche fettina sottile di salame, uno strato di fave fresche sgusciate e tritate, poi qualche fettina sottile di pecorino, e concludere con una fetta di pane. Tagliatelo in quattro e fermate ogni triangolino con uno stecchino.

    Con le fave fresche e il pecorino primo sale si può anche preparare una fresca insalata: fave, cubettini di primo sale, qualche cipollotto affettato finemente, e poi conditele con olio d’oliva e un pizzico di sale.

    Speciale Natale