Frantoi Aperti

    Si è ripetuta quest’anno l’esperienza di Frantoi Aperti, che anche quest’anno si riconsacra come una delle migliori manifestazioni gastronomiche a cui io abbia mai partecipato. Anche gli anni passati non ho perso occasione per andare in Umbria e partecipare ad una delle tante giornate dedicate all’olio extravergine di oliva, non mancando di documentarvi entrambe le edizioni alle quali ho partecipato. Se l’anno scorso avevamo scelto Montecchio, quest’anno il programma ci ha portato a Spoleto.

    Armati di macchina fotografica siamo saliti sulla navetta che proponeva due alternative: tutti i partecipanti hanno scelto il frantoio Feliziani, soprattutto perchè nel programma assicurava degustazioni di bruschette, vino e zuppe. Dopo averci guidato per il frantoio spiegandoci le tecniche di produzione, i passaggi per ottenere l’olio e anche cosa si ricava dai materiali di scarto: con la sansa infatti, che non si utilizza più per il famoso olio di sansa, si produce del concime e con i noccioli si ottiene materiale per il riscaldamento per apposite stufe. Questo fa delle olive un frutto veramente prezioso anche in relazione all’ecologia.

    Finito il percorso “didattico” siamo stati accolti in una sala apparecchiata dove i proprietari di questo bicentenario frantoio, famoso anche per il loro vino rosso, avevano preparato bruschette generosamente condite con olio, zuppa di lenticchie, di fagioli e di ceci e inoltre vino a volontà, un ottimo vino di produzione locale, il rosso di Montefalco, di cui abbiamo bonariamente approfittato.

    Tornati in paese con la navetta siamo stati allettati da assaggi di ogni leccornia in botteghe di prodotti tipici (formaggi, patè di lardo e tartufo… ) per poi finire la giornata con una lezione della scuola alberghiera G. De Carolis che ci ha preparato un delizioso antipasto: sformatino di polenta ripiena di pecorino e porcini su letto di crema di piselli. Non abbiamo fatto in tempo ad assistere anche alla preparazione delle altre portate, cannelloni bianchi e verdi e carne alle castagne…

    Il tutto completamente gratuito, e anzi accompagnato da ospitalità e genuinità rara ancora da trovare nelle manifestazioni gastronomiche.

    Come sempre un ringraziamento agli accompagnatori, Emi, Andrea e Lea, a cui devo anche l’uso della macchinetta fotografica e molte delle foto della nostra gallery.

    SCRITTO DA Paoletta PUBBLICATO IN Eventi EnogastronomiciProdotti Tipici Lunedì 22/11/2010