Fiori commestibili: elenco e ricette per utilizzarli in cucina

Con i fiori commestibili si possono realizzare ricette sfiziose oppure decorare e insaporire le vostre pietanze.

da , il

    I fiori commestibili sono sempre stati utilizzati in cucina dalle civiltà antiche. Sono belli, colorati, profumati, fragranti e speziati. Questi fiori possono essere utilizzati in cucina per diversi motivi: per realizzare ricette tradizionali, per decorare e insaporire i piatti oppure per dare colore e sapore alle pietanze. In questi casi è fondamentale e doveroso utilizzare in cucina solo fiori coltivati nel proprio giardino di casa e non quelli colti per strada e nei giardini pubblici, e meno che mai quelli acquistati dal fioraio. Ecco alcuni preziosi consigli sui fiori commestibili e alcuni trucchi per realizzare ricette davvero deliziose e sfiziose!

    Foto di Laura Gioia

    Fiori di zucca

    I fiori di zucca sono senza ombra di dubbio i fiori più apprezzati, conosciuti e amati della cucina italiana. Questi fiori dal colore giallo-arancione sono utilizzati in campo culinario, solitamente fritti per ricavarne piatti saporiti e gustosi come gli sciurilli napoletani o i fiori di zucca in pastella alla romana. Sono perfetti anche per risotti e crostate.

    VAI ALLA RICETTA

    Foto di Sergio Savoia

    Petali di rose

    I petali di rose hanno un sapore profumato e delicato. Il sapore è più pronunciato e forte nelle varietà più scure. Sono molto indicati per preparare dolci, confetture, sciroppi, liquori e cocktail. Sono utili anche per arricchire risotti e insalate. Cliccate qui sotto per scoprire tutte le ricette che si possono realizzare con i petali di rose.

    VAI ALLA RICETTA

    Foto di Sofia

    Fiori d’arancio

    I fiori d’arancio sono dolci e molto profumati. Questi fiori vengono utilizzati in cucina soprattutto per realizzare l’acqua di fiori d’arancio. Che cos’è? E’ un’essenza profumatissima, gradevole al gusto e rilassante all’olfatto molto indicata per aromatizzare dolcetti, impasti per le torte e creme. E’ molto utilizzata dagli “artisti” della pasticceria meridionale.

    VAI ALLA RICETTA

    Foto di Giorgio Bonomo

    Fiori di menta

    La menta ha proprietà cicatrizzanti e disinfettanti. E’ utile in caso di disturbi gastro-intestinali, aiuta il funzionamento del fegato e favorisce la digestione. I fiori di menta sono perfetti per semifreddi, gelati o sorbetti. Durante il periodo della calda stagione si possono realizzare delle bevande rinfrescanti.

    Foto di Cristina

    Fiori di calendula

    La calendula è una pianta della famiglia delle Asteraceae. I fiori di calendula dal color arancio e intenso sono indicati per realizzare risotti, zuppe e minestroni. Non è da sottovalutare anche l’uso fitoterapico di questi fiori che hanno effetti antispasmodici e cicatrizzanti. Il decotto realizzato con circa 50 grammi di fiori essiccati per litro d’acqua è utile contro l’ulcera gastrica e l’afta.

    Foto di Mercedes Melis

    Fiori di begonia

    La begonia è un genere di piante di origine tropicale della famiglia Begoniaceae, che comprende circa 1.600 specie. I fiori di begonia hanno un gusto acidulo e pertanto sono molto consigliati e indicati per la preparazione di gelati, sorbetti e macedonie.

    Foto di Giacomo Gabutto

    Fiori di tarassaco

    Il tarassaco è una pianta a fiore appartenente alla famiglia delle Asteracee. I fiori di tarassaco possono contribuire a dare sapore e colore a risotti e insalate miste. I fiori si possono preparare in pastella e quindi friggere. Inoltre i fiori vengono utilizzati per la preparazione di gelatine, spesso erroneamente definite “miele di tarassaco”.

    Foto di Max

    Fiori di gladiolo

    Il gladiolo è una pianta appartenente alla famiglia delle Iridaceae, originaria dell’Africa e dell’Eurasia. I fiori di gladiolo sono variamente colorati, poco durevoli e sono portati da spighe erette. Dal sapore delicato, questi fiori possono essere farciti e i petali possono essere utilizzati nell’insalata.

    Foto di Orlando Caboni

    Fiori di lillà

    Syringa, o comunemente chiamata lillà, è un genere di pianta della famiglia delle Oleacee. I fiori di lillà sono molto utilizzati in cucina per dare sapore a creme, yogurt, gelati e crostate. In passato con questi fiori si preparavano profumi e si ricavava anche l’olio da massaggio per contrastare reumatismi e dolori.

    Foto di Sara T

    Fiori di viola

    La viola è una pianta della famiglia Violaceae molto diffusa in Europa, nelle zone tropicali e in America. I fiori di viola hanno un sapore delicato e sono molto consigliati per insalate, pasta, gelati, gelatine, confetture, piatti a base di frutta e bibite. I petali possono anche essere canditi.

    Foto di Anfora di Cristallo