Eventi: “Tutti a tavola” a Milano per il Salone del Mobile

Tutti a tavola è una mostra sulla convivialità italiana che si svolge a Milano, in occasione del Salone del Mobile, fino al 9 maggio 2010

da , il

    la cucina di Vincenzo Campi alla Pinacoteca di Brera

    A Milano “Tutti a tavola” fino al 9 maggio. Non è un invito a cena ma ad una mostra che si tiene nel capoluogo lombardo in occasione del Salone del Mobile. La mostra, che sarà aperta al pubblico dal 14 aprile, è un percorso alla scoperta del senso della tavola e della convivialità italiana attraverso le opere d’arte. La sede principale è la sontuosa dimora nobiliare di villa Belgiojoso Bonaparte, più nota come Villa Reale, ma il percorso prosegue anche alla Pinacoteca di Brera. E allora tutti a tavola, per ripercorrere le tappe della storia dell’inconfondibile stile italiano di condividere i pasti e stare a tavola insieme come già dai tempi del convivium romano.

    La scoperta della convivialità italiana inizierà a partire dai saloni di Villa Reale, nobile palcoscenico per celebrare il connubio tavola-cucina, in un viaggio attraverso le espressioni artistiche più significative del mangiare, considerate un atto di bellezza e di creatività.

    Il percorso inizia dai sotterranei – in via eccezionale aperti al pubblico – per scoprire le antiche dispense e cucine, attraverso una videoproiezione delle attività di una cucina senza tempo. Continuando poi ai piani superiori, per imbattersi in pranzi, banchetti, cene tra amici, caffè e sagre popolari attraverso teatro e cinema, pittura e video, musica e design, letteratura e architettura. Vi imbatterete in una folla di persone colta nel momento di mettersi a tavola nel quadro di Attilio Pusterla a Villa Reale o ne Il quarto stato di Pellizza da Volpedo nell’interpretazione di ritorno alla terra che ne dà Ermanno Olmi.

    Passando a Brera non perdete La cucina di Vincenzo Campi (del 1580), che rappresenta un gruppo di servi alle prese con polli e carni varie, illuminato ad arte dal designer AJ Weissbard, o la scena affollata che ritroviamo nella Cena in casa di Simone (1570) di Paolo Veronese riletta da Peter Greenaway: l’ambientazione esterna, le stesse architetture, un po’ ricordano l’altra cena famosa dipinta dal Veronese, Le nozze di Cana, riproposta qui in un video nella rilettura, contemporanea e multimediale, realizzata sempre da Greenaway a Venezia.

    Foto da www.palazzovecchio-museoragazzi.it