Consigli: i liquori in cucina

Consigli: i liquori in cucina

I liquori in cucina, siano secchi che amabili, possono regalare ai piatti una nuova personalità, aggiungendo un tocco elegante e originale

da in Vini & CO
Ultimo aggiornamento:

    liquori

    I liquori in cucina, siano secchi che amabili, possono regalare ai piatti una nuova personalità, aggiungendo un tocco elegante e originale. Ricordatevi che vanno aggiunti a fiamma alta in modo che l’alcol evapori rapidamente. Infatti in caso contrario il rischio è quello che il cibo assuma una connotazione amara. Basterà qualche istante e potrete riportare la fiamma all’intensità di prima. Ecco la lista dei liquori da comprare e tenere nella vostra dispensa: una volta aperti conservateli lontano da luce e calore.

    Il Cognac viene prodotto nell’omonima regione francese ed è un distillato di vino Aoc, che corrisponde al nostro Doc, che viene invecchiato in botti di rovere.

    Il limoncello è un liquore tipico del Sud italiano ed è una miscela di alcol, zucchero, acqua ed estratto di scorze di limone. Se al posto di queste ultime vengono usate sostanze sintetiche troverete tra gli ingredienti la dicitura “aromi”.

    Il Marsala è prodotto in tutto il trapanese, è un vino liquoroso doc, arricchito con mosto e acquavite ed è realizzato in varie tipologie. E’ perfetto per insaporire i piatti di carne, come le scaloppine.

    Il Porto è un vino liquoroso portoghese ottenuto fortificando il vino locale con dei distillati e facendolo maturare per un lungo periodo. Ne esistono 3 varianti, bianco, dorato e rosso.

    Un’altro liquore alleato in cucina è la vodka, che viene preparata nell’Europa dell’Est distillando patate, barbabietole o fermentando cereali. A volte viene rafforzata con frutta o spezie, e non viene invecchiata. In dispensa sarà utile per preparare piatti e cocktail.

    Foto da:
    www.bopan.es

    315

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Vini & CO

    Pasqua 2017

     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI